La pensione dei Parlamentari non cade con la legislatura

Senato della RepubblicaMentre molti si scervellano per capire se lo scioglimento dei due rami del Parlamento prima dei 2 anni e mezzo impedirà a deputati e senatori di percepire la pensione, che scatta dopo quel periodo, scopro riguardando la normativa vigente che questo è totalmente ininfluente.
I Parlamentari, infatti, hanno la possibilità di riscattare il periodo mancante della legislatura, ed usufruire ugualmente del vitalizio anche senza arrivare ai 2 anni e mezzo di mandato. Pagando i contributi mancanti avranno così diritto alla pensione a vita, dopo 2 soli anni dalla loro elezioni.
Non è una bufala, basta guardare le deliberazioni del Luglio 2007 degli Uffici di Presidenza di Camera e Senato.

Il 24/7/2007 è stata infatti applicata questa modifica:

– soppressione della contribuzione volontaria, ai fini del riscatto, in modo da far coincidere i periodi di versamento con gli anni effettivi di mandato. Tale soppressione opera per tutti i parlamentari a decorrere dall’inizio della prossima legislatura;

Dall’inizio della Prossima Legislatura: per questa, quindi, non vale. Smettiamo quindi di preoccuparci sulla validità o meno delle dichiarazioni di Calderoli, sono di fatto ininfluenti.
Va dato comunque atto all’attuale Parlamento di avere modificato questa ed altre regole sui diritti dei parlamentari almeno per la prossima legislatura.

Quello che mi chiedo, però, è il motivo per il quale questa informazione non sia stata data da nessuno, visto che il tema è stato comunque sollevato.

Diffondete!

24 risposte a “La pensione dei Parlamentari non cade con la legislatura”

  1. io sono dell’idea che vadano messi dei tetti non solo agli stipendi dei politici. comunque…
    che schifo

  2. In altri paesi europei è tutto più trasparente.
    A mio parere è giusto che i massimi rappresentanti dello Stato guadagnino cifre congrue alla loro responsabilità.

    Trovo molto più discutibile i privilegi di contorno, come la questione delle pensioni, e soprattutto gli stipendi dei manager pubblici.

    Al di là delle notizie false che circolano, alcuni compensi sono veramente eccessivi.

    1. responsabilità? perchè questi falliti, fotomodelle, attorucoli, travestiti, presentatori, cantanti, gente da bar e di strada, truffaldini, intrallazzisti, maninpasta e vari che siedono in parlamento hanno una responsabilità?
      questi i soldi vogliono, se ne fottono di quelli come te che sparano fesserie!

      1. ah, dimenticavo, secondo te una come iva zanicchi che siede al parlamento europeo, quando si siede, visto che raramente è presente, ha una responsabilità e uno stipendio adeguato? ormai che ci sei facciamo pupo presidente del consiglio, tanto non sarebbe nemmeno peggio di quello attuale….

  3. ci sarà una ragione perché fuori dell’italia i CITTADINO pongono l’attenzione sulla politica e non sui loro politici con i loro yacht e le loro pensioni? forse perché i loro sono POLITICI ovvero, i loro rappresentanti in un consesso più ampio..Forse perché qui da noi si é sudditi per i quali vale ancora il motto dei Borboni: Feste,Farina e Forca. Forse perché non sappiamo più cosa é la VERGOGNA. Perdonate lo sfogo…….. io ancora mi vergogno,

  4. Tolgono i diritti agli italiani .Cancellano precetti costituzionali senza pudore ;non danno le pensioni ai poveri disgraziati con la scusa barzelletta che la vita media si é allungata .Stravolgono diritti inviolabili della persona, ma la casta titolare di corporativi privilegi continua ad incrementare le proprie terga auto ampliando il proprio benesse a scapito degli italiani. L’importante é mistificare e fare la morale sugli impiegatucci della pubblica amministrazione togliendo la retribuzione ai veri ammalati ( se ricorrono alla morbilità)i quali molti di essi andranno a lavorare ugualmente impestando i luoghi di lavoro di microbi ed altro pur di non non essere ulteriormente penalizzati.(confronta D.L.25.06.08 n. 112)
    La cifra stanziata per il bilancio al fine di coprire la differenza contributiva per consentire di far percepire “la pensione” ai parlamentari non eletti della precedente legislatura é di Euro 14 milioni . Correggetemi se sbaglio. Un chiaro distacco della classe politica dalla società civile e dal popolo sovrano che sovrano non lo é per niente-
    Un saluto ai veri italiani.
    Carlo

  5. Facciamo qualcosa….
    Penso che la cosa migliore è quella di organizzare un bel referendum, che tolga questi privilegi da feudatario medioevale ai Signori Parlamentari, quando un Ministro di questo governo si permette di dire che un povero lavoratore impiegato in un’amministrazione pubblica e che prende circa 1000 Euro Mensili e che magari si trova a 800 Km dalla sua Residenza con famiglia a carico da mantenere e in più si deve mantenere lui, e che la Dirigenza gli scrive sulla sua domanda di trasferimento parere favorevole ma con sostituzione, perchè ormai lo sappiamo che le pubbliche amministrazioni si stanno svuotando del personale esecutivo e rimane solamente la Dirigenza con un contratto completamente diverso con almeno 5000 Euro mensili, inoltre tutto il lavoro è dato in appalto fuori, e sugli appalti si sà che c’è da guadagnare per questi nostri boiardi e politici… Insomma il caro Ministro (quello che non è biondino, per intenderci) ci dice che sé l’Italia và male è colpa del povero fannullone, stressato, depresso e condannato a rimanere in quel posto pubblico o a morire (perchè non andiamo a vedere quanti impiegati si sono suicidati? Per cause varie tipo Mobbing o altro?), insomma l’italia come disse lo scomparso Carmelo Bene è il paese della Demagogia, della Falsa Propaganda e dell’interesse Privato, per intenderci. Quindi spero che qualcuno raccolga questa idea, un bel referendum da sottoporre al popolo Italiano per annullare questa pensione d’oro maturata solo dopo 5 anni, i 5 anni invece si dovrebbero cumulare sulla pensione del nostro rappresentante che dovrà fare anche la ricongiunzione e magari pagarci sopra, come succede ad ogni povero disgraziato di questo bel paese sè si trova a cambiare lavoro in Italia.
    Cittadino Garantista

    1. aspetta che te lo fanno il referendum!
      non lo sai che i referendum li organizzano i politici?
      chi vuoi che si dia la zappa sui piedi per far piacere a te?
      intanto continua a dargli il voto…
      hahahahaha

  6. io x prendere la pensione devo fare 4o anni piu’ la finestra che e’ 1anno dire che e’ una vergogna e’ poco il nostro debito che ha l’italia e’ sicuramente opera di una parte dei nostri politici destra e’ sinistra tutti uguali un esesmpio e’ il nostro amato silvio che mette le sue donnine nei posti pubblici anziche’ pensare che abbiamo crescita zero sula famiglia e’ i nostri laureati e’ giovani non trovano lavoro povera italia spero che lo pubblicate sono solo una persona che lavora onestamente e’ sono disgustato dai politici

    1. Come vede l’ho pubblicata, non c’è nessuna censura.
      Credo anche io che non sia giusto questo privilegio.

      Però non sono d’accordo con lei sul fatto che la politica sia tutta uguale.

      Non è solo responsabilità dei politici, ma anche nostra: del resto siamo noi che li scegliamo, spesso distrattamente e controvoglia, invece di informarci, oppure evitando proprio di esercitare il nostro diritto di voto…

    2. sei disgustato però il voto continui a darglielo e non fai nulla a parte blaterare, e se fossi tu al posto del tuo amato silvio, ce le metteresti pure tu le tue amanti in poltrona…

  7. Non ho letto bene la struttura del blog ,comunque dalla prima osservazione ritengo che Lei stia impostando un lavoro costruttivo diretto ed efficace all’insegna della verità che non si vuole pubblicizzare per squallide coperture corporative.
    Credo proprio di non sbagliarmi. Ripongo comunque poca fiducia negli italiani checon quella manina apporranno quella x fonte incontrovertibile dei nostri guai.A presto
    Carlo -CT

    1. io non capisco come si puo’ accettare questa vergogna immagino che i nostri cari politici non fanno niente x divulgare i loro privilegi non ho sentito nessuno alla televisione che parli dei privilegi scandalosi che hanno la mia incazzatura e’ che io x prenedere la pensione devo fare 40 anni + 1 anno di finestra loro no a loro e’ conecesso tutto e’ subito e’ noi scusatela parola ma ci va’ tutta popolo di coglioni me compreso accettiamo senza fare niente abbiamo anhe dalla loro parte tutta la casta politica regionale vedi provinca anche sindacati compresi i capi ovvio dicono che fanno gli interessi dell’italia ma quali fanno solo i cazzi loro

    2. io non capisco come si puo’ accettare questa vergogna immagino che i nostri cari politici non fanno niente x divulgare i loro privilegi non ho sentito nessuno alla televisione che parli dei privilegi scandalosi

      1. la vergogna la accetti anche tu, visto che continui a votarli e non fai nulla a parte blaterare.
        D’altronde se fossi tu uno di loro saresti ben contento di arraffare e non staresti certo a scrivere in questo blog!

  8. Purtroppo il popolo italiano non é come quello francese . Non percepiamo questo massacro, patiamo e non ci rendiamo conto- Abbiamo accettato l’innalzamento dell’età pensionabile anche delle donne senza fiatare. E costoro titolari di vezzi e privilegi percepiscono pensioni o meglio come li chiamano loro “vitalizi ” da favola .Avete sentito di Amato ,trentunomila euro mensili. Questa faccia da tribuno romano che ha tolto la pensione agli altri, ha il coraggio e la sfrontatezza di godere e mesciare nel benessere mentre il popolino soffre. E cosi tutta la classe politica che sostiene di rappresentare la “gentuzza”-
    Che Dio non abbia pietà di loro- E-mail di risposta con cenni di correzione, inviata ad Alessandro Ronchi il 1.04.2011
    Carlo

    1. che ti lamenti a fare? la colpa è di quelli come te che invece di muoversi stanno a bestemmiare al bar!
      impara la lezione daggli arabi, che a costo della loro vita si stanno liberando delle dittature…

  9. ma come si spiega che tutti vi vergognate o gridate vergogna, ma continuate a votare per questi farabutti che governano?
    non è che sono i vostri degni rappresentanti e vi indignate per invidia, perchè loro sbafano e voi no?

  10. A Gigi che continua a rispondere che il voto gliel’abbiamo dato noi.
    E’ vero, ma non tutti i voti sono stati uguali.

    Sui referendum organizzati dai politici, non è vero. Chiunque può raccogliere le firme per realizzarne uno, anche un gruppo di cittadini. Lo dimostrano gli ultimi referendum: quello sull’acqua è stato raccolto dal comitato acqua pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *