L’Albero di Natale di Piazza San Pietro a Roma

Ieri è arrivato a Roma l’albero di Natale che verrà collocato in Piazza San Pietro. Un abete di 140 anni, alto 26 metri e di tre tonnellate di peso.
Era necessario tagliare e trasportare dalla Val Badia, in Trentino Alto Adige, un albero sanissimo che aveva resistito a 140 anni di deforestazione dell’uomo?
Questo scempio non si giustifica con la tradizione, l’albero di Natale in Piazza S. Pietro c’è da circa 25 anni, e non ha nessun legame con la religione Cattolica.
Per lo spettacolo ed i turisti, perché di questo chiaramente stiamo parlando, si poteva allestire il più grande Presepe Vivente del Mondo, i volontari disposti a darsi il cambio di certo non mancherebbero ed il legame con la Bibbia ed i suoi contenuti sarebbe stato più evidente.

23 risposte a “L’Albero di Natale di Piazza San Pietro a Roma”

  1. Concordo con te, potevano trovare certamente un modo migliore per celebrare la ricorrenza, senza distruggere un albero così antico! :evil:

  2. a forlì, resistendo alle feroci polemiche, negli ultimi 4 natali solo alberi con zolla.
    la prima esperienza con gli alberelli che formavano la piramide e poi alberi singoli.
    dal prossimo anno vedremo, in nostra assenza se torneranno all’antico

  3. comunico che questo scempio non è stato fatto solo quest’anno, ma dura da vari anni: Tre anni fa scrissi una lettera al Papa, in cui dicevo di non accettare che degli alberi ultracentenari venissero tagliati solo per l’allestimento per un mese di Piazza San Pietro, comportando fra l’altro spese ingenti (taglio, trasporto), inoltre si tratta sempre del sacrificio di un essere vivente così vigoroso per niente in quanto potrebbe essere sostituito con un albero finto, ve ne sono di bellissimi e durano per più anni!!! Naturalmente non mi ha mai risposto nessuno, ma tutti gli anni dalle foreste delle nostre Alpi viene tagliato un bellissimo esemplare di abete come simbolo del rispetto per la vita e di tutti quei poveri e bisognosi a cui si potrebbe regalare un Natale migliore!!!!

  4. Colgo l’occasione per ricordare il percorso della piramide di alberelli, dal momento che la stampa lo ha ricordato in questi giorni in occasione delle proteste sulla mancanza di luci (tra l’altro c’erano, ma erano saltate a causa di un problema tecnico temporaneo).

    L’idea nasce dalla proposta che lanciai io, ricordando una positiva esperienza delle mie elementari. Allora ci regalarono un alberello, che dovevamo piantare in casa. Ricordo ancora quanto mi fece piacere e quanto mi aiutò a capirne l’importanza. Quell’alberello, piantato in casa, aveva contribuito alla mia sensibilità su questi temi.

    Così, pensando a come evitare di tagliare un albero di foresta solo per il mesetto di Natale, proposi di acquistare tanti piccoli alberi da distribuire poi alla fine ai bambini, selezionati in qualche modo.

    Era il primo anno di Giunta per i Verdi.

    Fausto, con una idea che a mio modo di vedere fu geniale, pensò di fare una impalcatura per mettere insieme gli alberelli. L’unione faceva l’altezza :)

    L’idea inizialmente incontrò delle resistenze, ma messa in piazza i primi commenti furono positivi, tanto che il Sindaco e la Giunta decisero di brindare sotto la piramide.

    Qualche giorno dopo qualcuno dall’opposizione iniziò la sua battaglia strumentale, e l’albero iniziò ad essere considerato brutto (pochi giorni prima i commenti erano diversi), così poi tutti ne rinnegarono l’iniziativa, tranne i Verdi che l’avevano promossa.

    Io credo che quell’idea avesse un paio di lacune: bisognava veramente regalare quegli alberelli a dei bambini, magari pensando ai meno fortunati, ed occorreva scrivere tutti i dettagli dell’iniziativa in un cartello sotto l’albero, affinché se ne capissero i motivi.

    Era un buon esempio di rispetto per la natura, poteva diventare uno strumento di educazione ambientale, poteva dare l’esempio per un Natale che non fosse solo usa e getta.

    L’esempio dell’albero del Papa, invece, è diametralmente opposto al rispetto per quello che la religione cattolica ritiene il creato. Un brutto esempio di come a fini commerciali e d’immagine ci si pieghi anche a tradizioni non nostre (l’esempio di Halloween è lampante), e di come il Natale da periodo di riflessione ed attenzione verso chi ha meno fortuna di noi sia diventato un fenomeno utile solo ad aumentare i nostri consumi usa e getta.

    Il bue e l’asinello, simbolo della povertà nella quale viveva la famiglia di Gesù, sono diventati poco attraenti per il Natale di oggi.

  5. Pensa un po’ in 25 anni il Papa ha distrutto un bosco di alberi secolari per niente e a vantaggio di nessuno, anzi contribuendo ad aumentare la CO2!!! Bell’esempio di rispetto per l’ambiente, per la salute e per la vita!!

  6. Effettivamente “l’albero di Natale” in se non significa proprio nulla. Non sapevo dell’idea della piramide di alberelli alquanto interessante.

    Onestamente a me sembra che una volta tanto si potrebbe smettere di pensare a quest’usanza inutile e fare un passo avanti anche rispetto a quello con la zolla. Piantare veramente un abete in mezzo alla piazza in un posto in cui rimane tutto l’anno. Il fatto poi di vederlo morire (eventualmente) farebbe anche pensare a quanto impattiamo sul suo ambiente naturale mentre il fatto di vederlo anche il 15 agosto in quella posizione ci farebbe pensare che la natura ci circonda sempre e comunque.

    Potremmo chiamarlo il “Natale 365”.
    Legato alla mia infanzia ho un albero piantato nella terra da mio padre che si è ammalato ed è morto circa 5 anni fa. Da allora non ho più usato abeti veri perchè penso che quell’inutile carico di lampade sia una violenza gratuita ed ogni volta che taglio l’erba vicino a dove sorgeva ricordo il mio Natale: mio padre che mi ha lasciato 24 anni fa oltre alla nascita di 2007 anni fa!!!!

    Saluti radiosi

  7. Ok giusto concordo con quanto hai scritto.Io mi chiedo una sola cosa. Sono stati spesi tutti quei soldi per il trasporto e per le luci quando tutti quei soldi spesi se dati in beneficenza avrebbero acceso il Natale di tanta gente del mondo che muore di fame mentre noi ci lamentiamo senza fare niente ,tanto festeggieremo lo stesso il Nostro Natale giusto? Quelli è tanto che per il loro natale abbiano una scatoletta di carne e come regalo qualcosa che noi invece buttiamo!
    Perchè in Italia ci si lamenta tanto e nessuno fa niente? Sono tutte parole parole parole parole, Perchè in Italia ci sono i soldi per fare tutto solo che finiscono sempre nelle tasche sbagliate un pò a destra e un pò a sinistra.Sveglia ragazzi destra e sinistra sono morte anni fà con la seconda guerra mondiale e con la caduta del muro, non facciamoci prendere in giro da coloro che detengono il potere da 30 anni , da chi diventa laureato e senatore in un giorno in piena vecchiaia mentre c’ è gente che studia 12 anni e lavorandone altri 5 come ricercatore guadagnando 700 euro al mese per servire la ricerca e lo studio di CANCRO E AIDS.
    Questa è una vergogna. Ma sai com è in italia ci si lamenta sempre ma nessuno è disposto a rischiare il propio sederino per la giusta causa solo lamenti lamenti. Agire no lamentele.

  8. Senti.. ma xk nn ti stai zitto ke fai un favore a mezzo mondo?? noi abbiamo dato le nostre opinioni.. nn le puoi toglie.. tutti devono sapere quello che pensiamo.. non mi sembra giusto che cancelli le nostre opinioni.. i nostri commenti.. ti dovresti vergognà pure tu insieme al papa.. ma tu guarda questo.. ma ritornatene in quella gabbia di gatti da dove sei uscito.. quanti anni hai?? 90?? 6 antico.. addio addio
    Yla

  9. Vedi, intanto dubito che siate un “noi” e non un “io”, dal momento che sono arrivate decine di commenti, scritti nello stesso momento e tutti provenienti dallo stesso ip, tutti con indirizzo email falso.

    “Voi” potete dire la “vostra”, ma questo non vi dà il diritto di scrivere quello che vi pare, comprese offese al Papa. Non ho nei riguardi del Papa una particolare attenzione, come vedi da questo articolo non mi sembra di risparmiare critiche. Però la stessa cosa si può dire anche senza offese, quindi ritengo che tu possa ripetere il commento usando un altro tono.

    Io ho deciso alcune semplici regole per i commenti, che dovresti rispettare pena il rischio di vederli cancellati:
    http://www.alessandroronchi.net/regole-per-i-commenti/

    Come vedi, chiedo semplicemente di evitare insulti ed offese e diffamazioni, cosa che invece non hai saputo rispettare.

    Siccome sono responsabile di quello che qui viene pubblicato, devo stare attento a quello che viene scritto nei commenti, per evitare noie legali.

    Rimanete nel merito, non cancellerò nulla.

    Ho 27 anni, potevi scoprirlo leggendo la pagina dove scrivo chi sono.

  10. 1.. nn è che mi metto a guardà il tuo profilo.. non mi interessi.. 2 stavamo a scuola.. e il professore ci ha dtt di fare un ricerca sul natele e ci ha fatto vedere questo sito.. io me ne stavo per i cavoli miei.. e coq sia.. nn sono stata io a dire quelle offese al Papa.. nn mi permetterei mai.. anche se ammetto di aver detto che mi fa un pò di paura.. cmq seriamente.. stavamo a scuola e delle “amike mie” mi hanno iniziato a fare degli scherzi al quanto stupidi.. scrivendo quelle cose sconcie con il mio contatto e il mio nome.. figurati.. Nn mi xmetterei mai di dire quelle cose al papa.. io sono una santa a confronto a loro.. giuro nn volevo.. e adesso stai facendo cadere tutta la colpa su di me.. e questo nn va bene cmq sia..Mo c’hai 27 anni.. bravo..

  11. E’ incredibile, non me ne riesco a farmi mente capace che la chiesa nel 2007 riesca ancora ad uccidere…
    Si prima decidevano della vita delle persone oggi della vita di alberi… Parliamo sempre di esseri viventi, e come la religione cattolica ci insegna, nessuno può decidere su una vita di un altro essere.Pensate a quanti animali, pastori ecc. hanno trovato conforto in 140 anni sotto quell’albero, e solo per il piacere di poche persone, hanno dovuto tagliare un albero che tanta gente non avrebbe voluto. Oltre a tanti problemi che abbiamo qui in Italia, adesso dobbiamo pensare anche a quelli del Vaticano, che a mio parere non ci ha mai dato, ma solo privato.

  12. Senti mettiamo le cose in chiaro nessuno stà qui a rovinarti la campana di vetro che ti sei creato….
    Le mie non sono offese contro nessuno tanto meno contro di te ,sono delle opinioni e come io rispetto le tue di opinioni te sei in diritto e dovere di rispettare come gli altri la pensano. Se a me piace o meno il papa sono cavoli miei no tuoi . Sono romano e di Roma e più di te so come funzionano le cose nella mia città. Non ho attaccato il papa ed ho scritto solamente che i soldi vengono spesi per cavolate quando potrebbero essere usati davvero per cose utili nel mondo e che sarebbe un gesto più bello che uno stupido albero di 140 metri.Sarebbe costato di meno piattarcelo ma non è possibile farlo perchè il pavimento di piazza San Pietroè antico c è li da centinaia di anni! se tu lo chiedi al papa lui ti direbbe lo stesso i soldi non vengono gestiti dal papa lui infatti non fa il manager come secondo lavoro.
    Non sono un indirizzo span e i messaggi che ti ho mandato erano dei complimenti leggendo il tuoi profilo mi ero fatto un idea buona di te. Ti ho scritto il perchè ho scelto questo sito ed ho scritto semplicemente come la pensavo puntualizzandoti che non ho nessuno schieramento politico e c’ho che scrivo e ti ho anche scritto che apprezzo questo sito perchè è stato fatto da una persona giovane energica da una mente fresca che ha studiato…
    Ho una certa dimestichezza con l’ informatica e nessuno ti sta bombardando le email stai tranquillo .Ti ho semplicemente mandato più di una mail perchè chiaramente hai scritto che a volte non ti arrivano e vengono filtrate.
    Qui leggndo la conversazioni precedenti mi sembra che chi stà parlando di papa siete voi.

    (Pensa un po’ in 25 anni il Papa ha distrutto un bosco di alberi secolari per niente e a vantaggio di nessuno, anzi contribuendo ad aumentare la CO2!!! Bell’esempio di rispetto per l’ambiente, per la salute e per la vita!!)

    INFORMATEVI PRIMA…Non è il papa a disboscare alberi figurati se Giovanni Paolo secondo faceva tagliare l’albero quando bon anima sua era ancora in vita. Sono altre persone che con la scusa della tradizione ne traggono guadagno.

  13. ma cel hai con me o con le bimbe di 15 anni che scherzano?NoN ci capisco più niente dato che la tua risposta viene dopo la mia… Scusami ma vorrei capire a chi ti riferivi senza offesa.

  14. Alessandro non mi riferivo a te, chiaramente.

    Oggi ho ricevuto una ventina di commenti tutti provenienti dallo stesso ip. Può essere vero che fossero tutte a scuola, fatto sta che tanti messaggi con email false e stesso ip hanno fatto scattare l’antispam, che le ha filtrate tutte.

    Alcune erano offensive, altre erano semplici commenti. Chiaramente io mi riferivo a quelle offensive.

    Per Yla: non ti preoccupare, non sto cercando un bersaglio. Cerca di capire la mia situazione, ho ricevuto decine di messaggi ed ho pensato ad un brutto scherzo, tutto qui.

    Come vedete non ho filtrato assolutamente nulla, e secondo me si può parlare tranquillamente di tutto, pure del Papa. Basta scrivere quello che si pensa senza apostrofare nessuno di diffamazioni o parolacce, tutto qui.

    Mi scuso Alessandro per l’equivoco.

  15. Ho inviato un’e-mail al WWF e una leggermente diversa (ovviamente senza i riferimenti al wwf) a Radio Vaticana che aveva pubblicato un articolo in merito. Riporto quella inviata al WWF:
    Gentile Fulco,
    sono Ornella e abito a Forlì. Da molti anni sostengo il WWF, seguo e mi impegno per combattere i problemi relativi all’ambiente e a Forlì…. non mancano!!
    Le scrivo per segnalarle una situazione strana, ma su cui non ho sentito la voce del WWF. Si tratta dell’albero di Natale di Piazza San Pietro. Anche quest’anno, per la 25 volta, è stato tagliato un bellissimo esemplare di abete ultra centenario dalle foreste della Val Badia, per servire a niente!!!! Anzi… è solo un vero scempio.
    In primo luogo la legge tutela gli alberi secolari, ma in 25 anni (questa “tradizione” risale a Papa Giovanni Paolo II) è stato tagliato un bosco di alberi secolari. Questo taglio non serve a nessuno, anzi contribuisce solo ad aumentare la CO2, ad inquinare con il trasporto, senza calcolare le ingenti spese (taglio, trasporto, manodopera). Tutto solo per un mese!!! Inoltre si tratta sempre del sacrificio di un essere vivente bello e vigoroso che potrebbe essere sostituito benissimo con un abete finto, ve ne sono di bellissimi, durano per più anni, costano meno.
    Allora mi chiedo come sia possibile che il Papa accetti questo, invece di pensare ai poveri, a chi ha bisogno e donare a loro i soldi per trascorrere un Natale migliore!!!! Bell’esempio di rispetto per l’ambiente e per la vita da uno che ne parla spesso!!!!
    Spero solo che almeno il legno dell’albero (quando sarà distrutto) non finisca nell’inceneritore, ma nel camino di qualche povero che fatica a scaldarsi!!!
    Capisco che questo non sia il problema più grande, ma penso non sia nemmeno trascurabile perchè l’alternativa esiste!!! Sarebbe un bellissimo gesto se il Papa si facesse regalare un abete costruito con la plastica riciclata, avrebbe un valore veramente grande: nessuna uccisione, rispetto dell’ambiente e della tradizione natalizia!
    Pertanto le chiedo di denunciare sulla stampa anche queste situazioni, sensibilizzando non solo le sezioni del WWF italiane ma anche quelle europee. Spesso le persone non si fermano a riflettere sulle cose, in quanto le ritengono scontate, ma se queste riflessioni emergono, molte persone capiscono e cambiano il loro modo di pensare. Chissà che così, piano piano, non aumenti il rispetto per l’ambiente, unico luogo dove ci è consentito vivere! E chissà se, leggendo, anche il Papa cambierà opinione!!!!
    Grazie per l’attenzione
    Cordiali saluti

  16. Stamattina abbiamo provato ad inviare un commento io e le mie amike.. ma non riuscivamo a mandarlo..in pratica kiedevamo scusa.. x il nostro comportamento.. e tu kiedi delle scuse x averci detto bimbe.. nn 6 superiore a noi.. scusaci alessandro ronchi.. nn volevamo offendere ne te e tanto meno il papa.. ariscusaci.. :(

  17. Se vi comportate in modo maturo nessuno vi chiama bimbette. Siete voi a decidere se essere chiamate come tali o comportarvi bene con le buone maniere. Nei siti non si aprono forum per gioco…Ci sono leggi da rispettare perchè si è responsabili di quello che viene pubblicato.
    Sinceramente non ci tengo ad essere superiore a voi tanto meno a qualcun altro, sarebbe tornare al medioevo tra signorotto, vassalo e valvassore. Comunque, la prossima volta non lo fate pensate che c’ è gente che lavora e che offre un servizio costruttivo che è per voi e ad altra gente.
    Buon Natale

  18. certo è scandaloso che gli alberi secolari sono protetti ma se è per una cosa del Vaticano, si tagliano…
    Come al solito non c’è coerenza, si predica bene e si razzola male.
    Io non faccio nessun albero di natale da quando vivo per conto mio, ma anche quando vivevo coi miei genitori non si faceva tutti gli anni.
    Finchè si è bambini può piacere, quando poi si inizia a capire qualcosa della vita, certe domande e certi pensieri dovrebbero sorgere.
    E bisognerebbe avere coerenza…
    p.s. io sono vegetariano: quando si avvicinerà pasqua mi piacerebbe parlare di come vengono trattati gli agnelli

  19. stessa cosa a piazza Venezia (sempre a Roma).

    Ma sarebbe così inaccettabile piantarne uno e… tenerselo?

    a Natale lo si addobba… poi resta… un albero non ha mai deturpato nulla… semmai è vero il contrario…

    :D

    1. era a castrocaro e così serviva ma x 50 anni,… l’anno scorso l’hanno tagliato, è stato per 30 giorni in piazza a forlì poi è andato all’incenritore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *