Cambiata l’intensità del terremoto in Abruzzo per risarcire meno danni?

In rete circola la notizia che la magnitudo Richter del terremoto abruzzese sia stata modificata a tavolino per evitare il risarcimento totale, previsto quando l’intensità supera i 6 gradi della scala. Dal valore 5.8 inizialmente diffuso sarebbero passati al 6.3 con nuove e più precise misurazioni.

Già si grida allo scandalo.

Visto che nell’articolo si cita l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sono andato sul loro sito ed ho scoperto che le due misurazioni sono differenti perché semplicemente si tratta di cose diverse: la magnitudo Richter e la magnitudo momento.

La verifica della notizia era molto semplice. Non è che stiamo aprendo la stagione dello sciacallaggio da popolarità sul web?

6 risposte a “Cambiata l’intensità del terremoto in Abruzzo per risarcire meno danni?”

  1. No non è sciacallaggio, quest’anno questa parola va troppo di moda.
    Secondo me è solo ignoranza come in questo momento mi sento pure io a riguardo.
    Quindi se ho capito bene, la normativa Europea si basa sulla magnitudo Richter e non sulla magnitudo momento giusto?
    Però vorei precisare che per come me lo ricordo io, senza voler urlare nessuna indignazione ma solo per cercare di precisare, quando c’è stato il famigerato terremoto il giorno dopo tutti o quasi tutti i giornali parlavano di 6.3 magnitudo richter, questo secondo me vuol dire che siamo tanto ignoranti noi lettori quanto i giornalisti professionisti.

    1. Penso che c’è chi in rete ci stia marciando per attirare visite. Spero lo faccia in buona fede per diffondere una notizia che pensa sia scandalosa.

      Però bisogna stare molto attenti, perché si perde credibilità.

      Non credo proprio che si possa cambiare l’intensità di un terremoto a piacimento, servirebbe un bel complotto…

  2. Scusa Alessandro quale giorno è stato di preciso il terremoto?
    Sto cercando nei vari giornali in rete l’archivio di quel giorno per vedere se è vero che scrivevano 6.3 magnitudo richter ma non riesco a trovare negli archivi la notizia.
    Continuo a cercare dovrò pur imparare prima o poi a cercare bene le cose :)

  3. Anche tra noi ingegneri ci sono un sacco di ignoranti e presuntuosi…intervistate quelli giusti…se li sapete riconoscere….buon lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *