Volontari soccorrono i gatti abruzzesi

Se potete date una mano:

Il primo di settembre alcuni volontari dell’asl di Forlì insieme ai veterinari partono alla volta di villa sant’angelo in abruzzo per soccorrere e sterilizzare una colonia di circa 300 gatti.
Se qualcuno potesse fare avere un pò di cibo, medicinali come vibravet cp da 200mg e/o Baytrill da 50 mg in compresse oppure iniettabile da 2,5mg.
Allo stesso modo se qualcuno volesse aggregarsi per questa avventura anche solo per 3 giorni ( la spedizione dura una settimana) sarebbe il benvenuto…
Fate pure riferimento a me: Simona 338/7734336
Grazie in anticipo Simona

Cambiata l’intensità del terremoto in Abruzzo per risarcire meno danni?

In rete circola la notizia che la magnitudo Richter del terremoto abruzzese sia stata modificata a tavolino per evitare il risarcimento totale, previsto quando l’intensità supera i 6 gradi della scala. Dal valore 5.8 inizialmente diffuso sarebbero passati al 6.3 con nuove e più precise misurazioni.

Già si grida allo scandalo.

Visto che nell’articolo si cita l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sono andato sul loro sito ed ho scoperto che le due misurazioni sono differenti perché semplicemente si tratta di cose diverse: la magnitudo Richter e la magnitudo momento.

La verifica della notizia era molto semplice. Non è che stiamo aprendo la stagione dello sciacallaggio da popolarità sul web?

Sciacalli politici

Utilizzare il terremoto in Abruzzo per portare avanti il bipartitismo, diffondendo dati falsi sui costi e facendo credere che i quesiti servano ad abrogare il porcellum quando invece lo vogliono semplicemente emendare, è una cosa squallida. Da veri e propri sciacalli.

Se il problema fosse quello dei costi il Parlamento potrebbe semplicemente tornare al sistema elettorale precedente con un voto. Ovviamente il vero motivo di tutta questa polemica non sono i costi.

Lo ripeto ancora una volta, lo scopo di tutto questo è la riforma del nostro sistema parlamentare verso il completo bipartitismo, con ogni mezzo e senza alcun ritegno.

Aboliamo le elezioni in favore delle vittime

In queste ore si susseguono gli assalti alla diligenza, ed in molti tentano di sfruttare la tragedia dell’Abruzzo per ottenere risultati ad essa slegati.

Un esempio è la proposta di destinare i 400 mln del referendum alle vittime.

Una volta per tutte: quel conto è sbagliato. Tra l’altro i costi per le elezioni sono in gran parte destinati a persone, al contrario delle grandi opere.

Ed anche se fosse vero, abolire tutti i partiti diversi dal PD ed al PDL avrebbe costi ben peggiori.

Se vogliamo perseguire l’obiettivo di distruggere la nostra democrazia, andiamo fino in fondo. Aboliamo le elezioni, così spenderemo ancora meno per stampare le schede.