Alessandro Ronchi

Beppe Grillo

Attenzione: Google Censura la Polizia!

Secondo lo stesso criterio utilizzato da Grillo e dai suoi sostenitori per dire che Google censura il blog di Beppe Grillo, voglio segnalare che google suggest censura la parola “polizia” dalle ricerche suggerite, quando si scrive “po”.
I primi risultati sono, nell’ordine:
poste, portaportese, postepay, polizia di stato, poesie, e via dicendo.

Eppure la ricerca “Polizia” è più ricercata di portaportese e postepay, e di “Polizia di Stato”, secondo google trends!

C’è un complotto! Una censura sottile! O forse un favoreggiamento all’illegalità diffusa!

Google non ha paura di Beppe Grillo, semmai lo staff di Grillo non conosce il W3C

Errori trovati dal validatore W3C nella Home Page del blog di GrilloLeggo con curioso interesse che Grillo teme di essere censurato da Google. In realtà sono sicuro che Google abbia priorità diverse dalla rimozione di Grillo dalle sue ricerche semplificate. E’ molto più probabile che il javascript che utilizza il blog di Grillo per selezionare la lingua (non standard) dica allo spider di google di prendere la pagina in inglese al posto di quella italiana, e per questo motivo la ricerca delle pagine in italiano non mostri il suo sito.
alexa_beppe_grilloDel resto basta dare un’occhiata al validatore del W3C per capire che prima di pensare a strani complotti e scriverne sul sito sarebbe meglio risolvere qualcuno dei 996 errori che invalidano lo standard HTML utilizzato per le sue pagine.
Visto che ci siamo, diciamo anche che gridare sempre al complotto non fa nemmeno bene ai suoi visitatori più fedeli, in vistoso calo secondo le statistiche di Alexa.

Aggiornamento: quei complottisti di Google censurano pure la Polizia!

Ne parlano anche: Downloadblog, Ubuntista, Paul The Wine Guy, Matteo Moro, Nereo Sciutto, e tanti altri.

La grillina e i nazisti di Alessandro Gilioli

Vedo che ha suscitato qualche perplessità, nei meet-up di Beppe Grillo, l’idea della consigliera comunale a Roma della lista Grillo, Serenetta Monti, di partecipare con un banchetto a un raduno di Forza Nuova, con la motivazione che i neofascisti «ci sono più vicini dell’attuale sinistra».

Fonte: L’espresso | Piovono rane » Blog Archive

Parlamento Pulito? Pare proprio di no

Prima che Grillo portasse all’attenzione la richiesta di evitare condannati, indagati, prescritti, ecc. in Parlamento erano 25, oggi sono 70.

Obiettivo raggiunto?

A Torino ha festeggiato col gesto dell’ombrello la scomparsa di alcuni partiti dal panorama nazionale. Peccato si sia dimenticato di dire che sono scomparsi 3 partiti dei 4 che avevano liste pulite, per lasciare ancora più posto alle liste con più condannati in assoluto.

Avesse sparato un po’ meno a caso, forse avremmo un Parlamento un tantino migliore, oggi.

Torna su