La risposta di Report a Di Pietro

Riassunto delle puntate precedenti: Report fa un servizio su Di Pietro e sulla sua gestione un po’ troppo familiare del partito. Una puntata per la quale lo stesso Di Pietro dirà, in una intervista successiva al Fatto Quotidiano, che l’Italia dei Valori è finita la sera di quel Report.

Poi Di Pietro, nei giorni successivi, si difende dicendo che quel servizio è stato un killeraggio politico, messo in piedi secondo quanto scrive suo blog, per un motivo semplice e banale:

Sanno che non siamo disponibili a squallidi inciuci e compromessi inaccettabili e quindi vorrebbero semplicemente evitare che IdV possa tornare ancora una volta in Parlamento.

Sorvola sul fatto che l’inciucio con PD, SeL ed UDC l’ha invece cercato non molto tempo fa, e l’indisponibilità non è stata dell’IDV ma degli altri partiti. Probabilmente gli stessi poteri che lo hanno voluto fuori da quella alleanza sono così arrabbiati con lui per non essere abbastanza disponibile.

Si difendeva, dicevo, negando tutte le accuse e fornendo qualche dato, insufficiente a giustificarsi contro tutte le accuse partite dall’inchiesta di Report.

A quei dati oggi risponde l’autrice del servizio di Report, elencando anche le visure di tutte le proprietà di Di Pietro sul Corriere.

Replicare con un falso alle “perle di disinformazione” e “scientifica opera di killeraggio politico” è un po’ come cadere nella casella probabilità del Monopoli. Probabile che l’abbia detto Report, al quale Di Pietro dice di replicare con la “carta che canta” dal suo sito. Appunto, carta canta.
Alleghiamo le visure delle sue proprietà visto che dal sito Idv ne troviamo solo alcune.
(FORMATO .zip. SCARICA)

Immagino che il segretario dell’IDV sarà così celere nel rispondere anche a questo articolo, con documentazione puntuale, prima di riprendere il discorso del complotto dei poteri forti.

Questione di fiducia

Confrontando questa pagina
http://parlamento.openpolis.it/gruppi_camera

con questa
http://parlamento.openpolis.it/votazione/34836

viene fuori questo elenco di deputati eletti all’opposizione che oggi non hanno votato la sfiducia al Governo. Tanto per ricordarcelo, alla prossima occasione.

Lista Italia dei Valori – Di Pietro

  1. PORFIDIA Americo
  2. RAZZI Antonio
  3. SCILIPOTI Domenico

Partito Democratico

  1. CESARIO Bruno
  2. GAGLIONE Antonio (assente)
  3. CALEARO CIMAN Massimo (fortemente voluto come capolista da Veltroni)

UDC

  1. MANNINO Calogero
  2. BACCINI Mario
  3. PIONATI Francesco
  4. PISACANE Michele
  5. ROMANO Francesco Saverio
  6. RUVOLO Giuseppe

Se ne ho dimenticato qualcuno, fatemi sapere che aggiorno.

Grillo candidato leader del PD

E’ una cosa poco seria.
Continui con il suo partito, ha già un programma, una struttura autocratica ed una serie di eletti.

Questa scenetta l’ha già fatta Di Pietro, quando ancora pensava di fondere l’Italia dei Valori nel partito democratico.

Fare la tessera del partito pensando di colonizzarlo, dopo avergli fatto campagna elettorale contro in più occasioni, è sintomo di un malessere nella forma e nella sostanza.
Certamente il risultato della demagogia dei partiti fluidi e delle primarie per l’elezione di un leader allargate a chi quel partito non lo voterà mai.

Speriamo che gli italiani guariscano in fretta, altrimenti ci terremo veramente questa politica per decenni.
Altro che PDcinquestelle.

Referendum: se vincono i sì nessuna nuova legge

Chi dice che una vittoria del referendum sulla legge elettorale porterà ad una nuova legge, con la cancellazione del Porcellum, dice una falsità. Anche Di Pietro ha cambiato idea, probabilmente ha finalmente capito che una vittoria dei sì peggiorerebbe la legge, lasciando inalterate tutte le storture (niente preferenze, premio di maggioranza per regione al Senato) ed aggiungendo la possibilità di governare con una minoranza dei voti.

Un sì al referendum senza una corretta revisione della legge elettorale consegnerebbe le chiavi del sistema Paese ad un partito unico di matrice fascista. (DI Pietro)

Peccato che Di Pietro sia uno dei firmatari del referendum in questione, ed un promotore fino al 21 Aprile scorso !!!

Dichiarava, al raggiungimento del numero necessario di firme:

“Mentre le cicale della politica parlata continuano a cincischiare sul da farsi noi dell’Italia dei valori, formiche operaie del referendum, contribuendo fattivamente alla raccolta delle firme, abbiamo lanciato il cuore oltre il nostro partito accettando anche di morire politicamente pur di far rivivere la governabilità del Paese e la supremazia delle istituzioni”

Quando si dice la coerenza!

Tornando alla possibilità di una nuova legge, per evitare dubbi ad esplicita domanda sia Capezzone (portavoce PDL) sia Chiti (Vice Presidente del Senato) hanno seccamente smentito la possibilità di una nuova legge dopo la vittoria del referendum.

Ora, quindi, le carte in tavola sono scoperte.
Sappiamo cosa chiedono i quesiti del referendum, sappiamo cosa vogliono i promotori, sappiamo cosa succederà se vinceranno i sì.