Invito a partecipare alla manifestazione silenziosa e nonviolenta contro il razzismo e la xenofobia

cimitero_indianiMartedì 10 è partita l’iniziativa per condannare la barbara aggressione a Nettuno dell’indiano Navtej, rendendo omaggio a coloro che morirono per la nostra libertà, tra i quali appunto molti Sikh, inquadrati nell’Ottava Armata Britannica.

Continueremo a portare una luce per giorni, al cimitero che a Forlì che ne commemora la caduta, ed invitiamo tutti i cittadini, le associazioni ed i partiti a fare altrettanto, lasciando un cero e condannando gli episodi di violenza, punta di un iceberg di una cultura dell’intolleranza.

Il nostro gesto simbolico intende anche dare una risposta ai contenuti razzisti e discriminatori del cosiddetto pacchetto sicurezza messo a punto dal Governo in questi giorni.

Contiamo che le sensibilità di muovano, per rispetto di chi si è battuto per la libertà ed oggi viene discriminato, maltrattato ed attaccato con la volontà di uccidere.

al cimitero indiano MANIFESTAZIONE NONVIOLENTA E SILENZIOSA per i diritti inviolabili dell’uomo.

Candle night @ chidorianinvitiamo tutti i cittadini, le associazioni e le forze politiche a compiere un gesto di condanna alla barbara aggressione a Navtej Singh Sidhue rendendo
omaggio ai suoi concittadini che si immolarono per la nostra libertà.

A Forlì, in via Ravegnana, c’è il cimitero che commemora la caduta di centinaia di cittadini indiani di diverse etnie e religioni, fra loro molti Sikh che morirono durante la liberazione dell’Italia e della Romagna inquadrati nell’Ottava Armata Britannica. Nulla sanno di tutto ciò quei delinquenti di Nettuno che a distanza di pochi anni da quegli eventi invece di essere riconoscenti a quei ragazzi che persero a vita ed al loro popolo, hanno aggredito Navtej Singh Sidhue, tentando di
ucciderlo con il fuoco.

Questi episodi di violenza sono la punta di un iceberg di una cultura dell’intolleranza, che sfocia persino in festeggiamenti e battute indecenti sul
male inferto ad una persona. Purtroppo notiamo che questa incultura si manifesta anche quando la TV, invece di chiamare la persona aggredita con il suo nome, utilizza il termine “indiano” , dando alla parola la stessa accezione negativa di “ebreo”, “negro” “rom”.

Il nostro gesto simbolico intende anche dare una risposta ai contenuti razzisti e discriminatori del cosiddetto pacchetto sicurezza messo a punto dal
Governo in questi giorni. Per contrastarli e mostrare la nostra vergogna per quanto sta accadendo a partire da MARTEDI’ 10 Febbraio alle ore 17.45, porteremo delle candele al cimitero di via Ravegnana.

Cercheremo, per qualche giorno, di ricordare che i cittadini italiani non sono questo, che esiste un rispetto per la persona che non conosce distinzioni, che la Costituzione Italiana ha ancora un valore e riconosce i diritti inviolabili dell’uomo.

Premiazione del concorso internazionale di idee “Crea la tua Bustina”

Il 19 OTTOBRE 2008 si terrà la 4^ MOSTRA SCAMBIO BUSTINE DI ZUCCHERO a Riolo Terme.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:

ore 9:00 apertura sala Azzurra per i collezionisti espositori

fino alle ore 10:30 sala Azzurra riservata agli espositori-collezionisti di bustine di zucchero per preparare il tavolo e scambiare con gli altri partecipanti regolarmente iscritti.

ore 10:30 Apertura al pubblico INGRESSO LIBERO

ore 11:00 Inaugurazione della Mostra scambio e Premiazione del concorso internazionale “Crea la Tua Bustina” 2007

al tavolo dell’organizzazione gli ospiti potranno ritirare il buono sconto per il pranzo presso il ristorante pizzeria i PINI

ore 14:00 Sorpresa per i collezionisti espositori

ore 15:30 premiazione al vincitore del gioco “OK IL NUMERO E’ GIUSTO”

Indovina quante bustine di zucchero ci sono dentro il barattolo, premio speciale per chi si avvicina di più al numero esatto ed estrazione di bellissimi premi per tutti i partecipanti.

ore 18:00 fine della manifestazione

In concomitanza per le strade del centro di Riolo Terme

SAGRA DELLA SALVIA E DELLA SABA

Chissenefrega

Due ragazze di 15 e 13 anni muoiono annegate a Torregaveta, i bagnanti continuano a prendere il sole accanto ai due cadaveri. Non ho parole. E’ arrivata a questo la nostra sensibilità?

Fonte: lastampa.it